“Il pesce che scese dall’albero” di Francesco Riva.

Il pesce che scese dall'albero
Immagine di copertina

Biografia autore

Francesco Riva nasce il 12 settembre 1993 a Fiesole (FI). Discalculico e dislessico, non solo è autore e attore teatrale, ma anche cinematografico. Diplomato presso l’European Union Academy of Theatre and Cinema (EUTHECA) a Roma, ha trasformato la sua tesi, un monologo sull’esperienza scolastica di un bambino dislessico, in un fortunato spettacolo dal titolo DiSlessia… Dove Sei, Albert?, che ha dato un importante contributo alla causa dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento ed è stato rappresentato, oltre che nei teatri e nelle scuole, anche in convegni di neurologi e specialisti della dislessia.

Sito ufficiale di Francesco Riva: http://www.francescorivanobu.com/

Francesco Riva

Sinossi

Alle elementari Francesco è un disastro: non ricorda i mesi dell’anno, confonde le lettere e non riesce proprio a imparare le tabelline. L’ora di matematica – la sua bestia nera – la passa a disegnare, relegato in fondo all’aula. Finché arriva la maestra Diana, che capisce tutto: quello scolaro non è né pigro né poco intelligente, forse è dislessico. I test confermano in pieno i sospetti, ma la supermaestra ha già escogitato un piano strategico: il bambino non studierà leggendo i libri, ma ascoltando e, per esercitare la memoria, recitando. La strada non è sempre in discesa: non tutti gli insegnanti sono così preparati e ingegnosi, non tutti capiscono che, per lui, la calcolatrice non è il rimedio alla fatica di moltiplicazioni e divisioni, ma uno strumento indispensabile come sono gli occhiali per un miope. Ci vuole ostinazione, e anche qualche battaglia, per affermare i propri diritti.

Ma intanto Francesco è diventato così bravo a recitare da entrare in un’accademia teatrale. E al momento di realizzare il suo primo spettacolo, mette in scena la storia più bella che conosce: quella di un bambino che, con la sua creatività e il suo talento, ha annientato l’orco-dislessia. Un’idea che porterà più di una sorpresa. Un libro dedicato ai tanti ragazzi che si sentono stupidi perché sono lenti a leggere, scrivere o fare i calcoli, e non sanno che la dislessia non è una malattia, ma solo un diverso modo di funzionare del cervello. Un modo che può rivelarsi originale e a volte geniale, come è stato per Einstein, Agatha Christie, Walt Disney, Mika e tantissimi altri. Prefazione di Giacomo Stella.

Recensione

“Ognuno è un genio, ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido.” Questa citazione di Albert Einstein, uno dei dislessici più famosi della storia, ci induce verso profonde riflessioni: la prima tra tutte riguarda la fatica che un alunno DSA impiega nello svolgere le attività scolastiche. Francesco Riva, autore de “Il pesce che scese dall’albero” è stato fortunato ad aver incontrato nel suo percorso di studi una supermaestra che non l’ha mai privato degli strumenti compensativi e dispensativi di cui aveva bisogno. La scuola primaria, nel suo caso, ha posto le fondamenta per maturare e comprendere davvero ciò che gli è stato insegnato. La dislessia è una neurodiversità, su questo non ci piove! Ma oggi sappiamo tutti cosa significa? È interessante notare come tra le persone dislessiche vi è una spiccata sensibilità verso un pensiero alternativo, una visione del mondo diversa, una grande intelligenza. Saperlo significa cercare, inventare, mettersi perennemente in discussione a scuola e a casa affinché la persona con DSA abbia la possibilità di imparare per strade alternative: i dislessici utilizzano molto più degli altri l’emisfero destro del cervello adibito alle funzioni visto-spaziali, immaginative e musicali.

Francesco ha imparato mettendo in scena gli argomenti che venivano presentati a scuola e ho scoperto di avere una spiccata dote teatrale. Le conoscenze sono rimaste vive nella sua memoria e ancora oggi a ventiquattro anni le ricorda. La sua memoria rievoca facilmente guerre, luoghi e personaggi perché la sua maestra ha deciso di rompere gli schemi tradizionali di insegnamento: il suo alunno non avrebbe studiato sui libri ma ascoltando e recitando.Questo libro è la testimonianza di un pesce che non si è adeguato alla massa ma ha lottato per i suoi diritti avendo anche una famiglia presente accanto. Oggi Francesco è un collaboratore di Giacomo Stella, un luminare nel campo dei disturbi specifici dell’apprendimento.

Dettagli libro

TitoloIl pesce che scese dall’albero
AutoreFrancesco Riva
EditoreSperling & Kupfer
CollanaVaria
GenereNarrativa
FormatoLibro
Pagine168
PubblicazioneSettembre 2017
Prezzo16 Euro
Link di acquisto
http://www.sperling.it/libri/il-pesce-che-scese-dallalbero-francesco-riva